L'errore della soggettività

Una pubblicazione di Lupo Donato

L’errore della soggettività

Troppo spesso abbiamo pensato di essere indispensabili per il Mondo, per il vicino, per l’amico e spesso per un famigliare.
Ci abbiamo pensato con tanta passione che ci siamo abituati a pensarlo e, creata quest’abitudine, ce ne siamo convinti a tal punto che adesso crediamo sia vero.
Il nostro inconscio lavora e vive nella convinzione che solo la nostra opinione conta; e non solo per noi stessi, ma in modo oggettivamente corretto e indiscutibile.
Portiamo avanti le nostre illusioni nella realtà, nella convinzione che sia indiscutibilmente vera.
Maggiore sarà il delirio della nostra visione, tanto più sarà grande la delusione di scoprire l’esatto contrario. Non ci sarà salvezza nella scoperta dell’ oggettiva realtà, perché il tempo a nostra disposizione per rimediare e riprendere la giusta rotta, affinché la nostra nave possa approdare su terre sicure, è finito.
Il ricordo che lasceremo non sarà quindi lindo, inattaccabile, irto, o come noi lo abbiamo costruito, anzi di esso, in realtà, non sappiano nulla e nulla riusciremo ad immaginare perché “non è nostra abitudine” creare pensiero in senso diverso, tanto meno ne abbiamo l’abilità.

 

Lupo Donato

Jesus: the first modern coach in the history of mankind

The figure of the coach seems to have become a trend, but where does it arise from? What are the parallelisms with the Socratic method? And again: is there any connection between Socrates and Jesus? Did the last one really exist?

Cos’è la comunicazione?

Cosa vuol dire per te comunicare? Molti hanno la presunzione di spiegarsi bene, quando in realtà non sanno nemmeno cosa dicono. Quando una persona riesce a comunicare? Come fai a capire che il tuo messaggio ha centrato il bersaglio? Se non riesci a diffondere le tue idee cosi bene da essere compreso, come sarà possibile comprenderti?

La Sirena e il Pescatore

Tra due figure si stabilisce un incontro illuminante dagli esiti inediti..

The day in which the man contradicted himself

Our perception is based on duality: something is or isn’t. Aristotle named this logical principle “principle of non-contradiction” and we humans have put it as the foundation for our building of knowledge. We shiver, then, because the duality, as we logically conceive it, has come to its extinction. A short juvenile essay written for a contest of the Scuola Normale Superiore of Pisa that gives a sparkle of light on a scientific theory on the concept of “soul”.

Storia di una lacrima

Una lacrima scendendo dolcemente lunga la guancia descrive il suo ineluttabile tragitto.

Narc.iso

Narciso non è mai morto. Egli ha cambiato forma divenendo sempre più raffinato e irresistibile. È divenuto un programma invisibile, un file informatico: narc.iso. State attenti, o uomini, perché presto annegherete negli specchi neri dei vostri schermi tanto funzionali quanto inutili e schiavizzanti. Solo l’Arte può liberarci da questa catena soffocante. Diveniamo dunque Arte, insieme.

Sul monopolio delle emozioni e sulle catene della volontà

Siamo in guerra. Una guerra invisibile per il dominio delle nostre emozioni. La nostra autentica personalità viene ogni giorno incatenata inconsapevolmente da noi stessi. La prima arma di difesa è la conoscenza. Ecco racchiusa in una sintetica ricerca italiana tutto ciò che c’è da sapere sul come evitare di rimanere delle macchine prima che sia troppo tardi.

Gas

Una poesia ispirata alla fiaba di Cenerentola, in cui i protagonisti diventano i topolini

L’errore della soggettività

Le cattive abitudini applicate alla Vita dell’inconscio.

Ama

È quando c’è più bisogno di amore che occorre amare. In quel momento l’amore si moltiplica perché ha necessità di amare e farsi amare per imprimersi nel profondo.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!